La prima volta che incontrai Lara

La prima volta che incontrai Lara era il 28 novembre del 2010, a Foggia, ancor piú precisamente a Villa Terronia.
A dirla tutta non incontrai Lara, incontrai il culo di Lara: tondo, tondo, tondo che più tondo non si puó. Il volto invece lo teneva ben ficcato dentro un forno, controllava la cottura di profumatissimi dolcetti al cioccolato.
Mi ero appena soffermata su quel tondo, tondissimo sedere, quando mi accorsi che sulla mia testa volavano cucchiaini, tazze, piattini, tovaglioli e parole mezze urlate in una lingua a me del tutto sconosciuta.
Ma dicevo di Lara: lentamente solleva la testa dal forno, si gira verso di me con le braccia aperte a sorreggere una lunga teglia di dolci e mi sorride. E quel sorriso non l’avrei mai piú dimenticato, ne avrei visti tanti altri accompagnati da una grassa risata romana, a sua volta accompagnati da colazioni abbondanti e da aperitivi senza tempo.
Avremmo poi scoperto che io ero Marta, ma mi sentivo Morta e che lei era Lara, ma dentro una Bara. E mica ci piaceva l’idea di parlare in rima, ma qualche giorno dopo il 28 novembre accadde così.
Lì le cose accadevano e non c’erano spiegazioni apparentemente razionali.
Scoprii poi che Lara viveva a Troia (si, esatto pronunciato come l’avete pronunciato), ma che veniva da Roma e di Roma ne sapeva tante; raccontava storie che si snodavano tra Cento Celle e la Prenestina e lo faceva cucinando, bevendo vino o arrotolando sottili sigarette di tabacco.
Era grande Lara, ma sembrava avere meno di trent’anni, lei aveva l’arte nel cuore, anzi per meglio dire, lei “c’aveva l’arte ner core” e forse quell’arte l’aveva lasciata a Roma in mezzo ai suoi libri rilegati a mano sotto San Pietro.
Tutti lì avevamo un luogo lasciato, tutti lì appartenevamo ad un posto più a nord dal quale eravamo scappati per cercare di salvarci il culo. Pure il mio grosso, ma non tondo come quello di Lara.
Eravamo ospiti di Villa Terronia, con una valigia o poco più e a Villa Terronia c’erano i matti che parlavano una lingua incomprensibile, così almeno credevo nei miei primi giorni.
Il sorriso di Lara peró era troppo tondo, come il suo culo, la sua voce, la sua romanità, troppo per far si che io avessi paura. Si vedeva che Lara la sapeva lunga, che era lì da tanto tempo, che stava meglio di me, che aveva persino una casa. Non sapevo peró che viaggio profondo e stravolgente e doloroso a tratti di un dolore lancinante, avremmo poi fatto insieme.

Non è che non taggo Lara per rispetto o robe simili, Lara, quella dei libri rilegati a mano, su Fecebook non ci viene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *